Amsterdam Canal Apartments

Due appartamenti confortevoli sul canale nel centro storico della città di Amsterdam

Il proprietario: Bastiaan Oele

«Ho viaggiato in tutto il mondo e preferisco da sempre le piccole location private, con un tocco personale, ai grandi alberghi, così omologati e impersonali. Per questo, quando ne ho avuto l’opportunità, ho deciso di offrire un’esperienza unica agli ospiti che visitano Amsterdam, per prendermi cura di loro».

Tra le mete estere che preferisco c’è l’Asia, per questo possiedo anche “Villa Kelapa”, una magione tradizionale di lusso situata a Bali, in Indonesia, anch’essa disponibile per i miei ospiti.

«Oltre ad essere il proprietario degli “Amsterdam Canal Apartments”, sono un medico e pratico ad Amsterdam. Mi piace prendermi cura delle persone, anche se in un altro modo».

«Ecco cosa mi piace: viaggiare, andare in campagna, visitare musei, l’arte, la musica lirica, la fotografia, una serata al cinema, una cena con gli amici a casa mia e andare in bicicletta per la città di Amsterdam o tra i campi».

Gli appartamenti “Amsterdam Canal”

L’appartamento “Canal View” in Raamgracht 23 è stato il primo ad essere inaugurato, nel 1993. Il bilocale, invece, è stato finito nel 2005, dopo gli importanti lavori di restauro e ristrutturazione subiti dalla casa che li ospita, un edificio del XVII secolo affacciato sui canali.

L’edificio originale, che nel ‘600 era la dimora di un mercante, si affaccia su un canale ed ha una struttura architettonica tradizionale, suddivisa in due parti (anteriore e posteriore), proprio come la casa di Anna Frank.

Gli appartamenti si trovano nella parte della casa che ha subito meno rimaneggiamenti. Al contrario, i piani in cui vive il proprietario sono stati modificati in modo sostanziale nel XIX secolo.

L’appartamento “Canal View”, posto al pianterreno, originariamente ospitava lo spazio comune dell’abitazione del mercante. All’inizio del XX secolo lo spazio comune ospitava un negozio di carbone, da cui venivano caricate le barche in sosta nel canale, che appartenevano anch’esse al proprietario dell’epoca.

Nel XVII secolo la cucina, il luogo in cui le cameriere preparavano la cena per il proprietario, che soggiornava esattamente ai piani dove ora vive l’attuale proprietario, si trovava nel punto in cui oggi è stato ricavato il bilocale!

Tutti i soffitti e le travi visibili negli appartamenti risalgono al XVII secolo e sono ancora nel loro stato originale. Le finestre anteriori e le porte dei due appartamenti “Amsterdam Canal”, invece, sono state attentamente ricostruite nel 2005, seguendo le indicazioni fornite da due dipinti del XVII secolo, poiché sono andate perdute durante la seconda guerra mondiale (la casa si trova al centro del vecchio quartiere ebraico, trasformato in ghetto durante il conflitto).